Terra Madre Dell' Arte Della Tessitura

Viva rimane dentro la consapevolezza che il telaio è stato e resterà tra i valori più grandi della cultura dell’ arte di un tempo remoto e di quello presente.

L’ amore per questo prezioso gioiello mi ha spinto oltre a scrivere la narrativa a dover realizzare con le mie mani il telaio in miniatura… L’ idea che nasce di creare un progetto sull’ arte della tessitura è suggerita dall’ esperienza diretta vissuta con grande saggezza d’ animo che arricchiva quotidianamente le giornate di chi come me tesseva e trascorreva il suo tempo ascoltando quel ritmo piacevole che oggi purtroppo va sempre più scomparendo.. Oggi purtroppo a malincuore devo ammettere di rendermi conto che ciò che è stato non ritorna e con grande spirito di ottimismo qualcuno ancora fortunatamente nel nostro territorio opera laboriosamente e con grande dignità. Mi è capitato di visitare case dove ancora lui (il telaio) è lì imponente a fare il suo compito e pronto a dare il massimo dei suoi capolavori quali: coperte, tappeti, asciugamani, tovaglie, strofinacci, centrini, arazzi ed in casi eccezionali anche vestiti ed accessori. Non trascuro per nessuna ragione il senso morale oltre a quello materiale che il telaio personalmente mi ha donato insegnandomi a crescere tra l’ ordito e le trame tra i rumori che erano melodia di quei giorni infiniti, tra quel ritmo dolce e l’ apprendere mentre chi, era veterana dimostrava destrezza e pazienza nell’ incanalarmi verso un mondo che sono fiera di aver vissuto. Tutto questo lo devo a zia Maria De Luca “mammaenonno” (così la chiamo) che non trascurava niente e con destrezza e precisione svolgeva tutti i compiti dall’ inizio alla fine. Tutto scorre, tutto rimane dentro e questo mi ha portato a scrivere l’ opera d’ arte “ era tessitura” tutta in vernacolo ed è stata la II classificata per la Calabria settentrionale nel concorso della seconda edizione del festival del dialetto di Calabria.  Lì tra i versi sono racchiusi tutti i passaggi del telaio dall’ inizio alla fine. L’ amore per questo prezioso gioiello mi ha spinto oltre a scrivere la narrativa a dover realizzare con le mie mani il telaio in miniatura. Ciò mi ha dato emozioni forti che non riesco nemmeno a descrivere portandomi lontano nel tempo. Nei ricordi più vivi di un passato che rimarrà nel mio mondo e nel mondo dei valori più grandi nella cultura di un paese che è per eccellenza la terra madre dell’ arte della tessitura. Ecco perché il bisogno di dover conservare questo bene culturale che è fierezza di una terra che ha dato e darà ancora, l’ esternare fuori ciò che si ha dentro è risorsa di sentimenti profondi verso una cultura (in questo caso) che è stata e rimarrà viva nel tempo.

 

Longobucco e la sua opera d’ arte “il telaio”

Longobucco, un pugno di case che batte nel cuor di calabria. Tra le montagne preziose dell’ antica Sila Greca. Lì dove i giorni si consumano nella trascorrere lento del tempo ed assoparondo il gusto della vita fatto di valori che vanno oltre i confini dei profondi sentimenti in quel tempo che ha segnato la storia di un paese colmo di cultura d’ arte quale “il telaio”. 

 

GUARDA LE FOTO DEL MINI TELAIO

Maria De Luca